CaricamentoCaricamento

Pentakill

Grasp of the UndyingGrasp of the Undying

In evidenza

Video

Grasp of the Undying

Album

Grasp of the Undying

Testi

  • Brano 01

    The Cull

    Cut down, one by one
    No sound remains
    Don’t fear if death finds you, this day

    Are you with me
    Let us savor the pain
    Do you hear the distant sound
    Calling your name

    In time, all of us are forgotten
    The ones that don’t belong to the pages of history

    But as my forefathers, I take to the open seas
    And as long before, I follow and don’t ask more
    Passed down, long before, the stories of old

    This time, I will not be forgotten
    I won’t be towed along with the feeble and the enemy

    But as my forefathers, I take to the open seas
    And as long before, I follow and don’t ask more
    Passed down, long before, the stories of old
    And won’t be called upon
  • Brano 02

    Mortal Reminder

    Blinded by hate brought by the fall
    As I swear death to all
    You will feel my vengeance
    As I claim your mortal soul

    I will punish and destroy
    Those responsible for this ploy
    I will seek a thousand deaths
    I will bring a thousand years of war

    All that I had taken away
    My home is gone, and my loved ones slain
    For every sleep claims a piece of me
    Every waking moment, every single dream

    As the masses came
    Like a shadow through this land
    They laid siege to all we ever had
    I stood strong, I was honor bound
    I stand defiant, I stand ever proud
    I am the chosen
    I am the guardian, the guardian

    Now I seek the blood of those
    Who claimed the innocent
    I will hunt the enemy to the last
    I will banish and rejoice
    The final breath of foes
    You will see what you have made
    You will see what I have finally become

    All that I had laid to the waste
    My spirit broken and just memories remain
    For every day claims a piece of me
    Every waking hour claims my inner peace
    My inner peace

    As the masses came
    Like a shadow through this land
    They laid siege to all we ever had
    I stood strong, I was honor bound
    I stand defiant, I stand ever proud
    I am the chosen
    I am the guardian, the guardian
  • Brano 03

    Tear of the Goddess

    The unknown terror
    That stood alone
    Passed from the days of the early suns
    Through worlds of lost belief
    Laid waste and buried deep

    Summoned to be set up to fall
    But there’s no fear
    That lives inside this soul

    Inside this world
    There is no way back to forgiving us
    Undone, deliverer
    The sinful and the saviors of the innocent

    And so
    Keepers of old
    Keep us from cold
    Let us fight once more
    Till our honor is restored

    The unknown terror
    That lives below
    Breathes the flames from the dying suns
    And lives to wake the dying ones
    The dying ones

    The dying ones
    (The dying ones)
    (The dying ones)

    Inside this world
    There is no way back to forgiving us
    Undone, deliverer
    The sinful and the saviors of the innocent

    And so
    Keepers of old
    Keep us from cold
    Let us fight once more
    Till our honor is restored
  • Brano 04

    Infinity Edge

    Beyond the lands of dreams
    I hear the call of riches
    Word of waters blessed unnatural
    Granting power of gods to men

    Under the distant sun is my calling
    I walk the lands
    That death cannot conquer
    And through the unforgiving worlds
    The battle lays in wait
    Seeking the way
    That leads me to the power of the edge
    The edge

    I'm living and dying a thousand lives
    And it's taken its toll on me this time
    The edge cares not so why should I
    Because I breathe the air of immortals
    And I'll be the true invincible
    The edge is my destiny

    So far from home I'm reeling
    I've seen the fall of friends
    The end of the road approaching
    I will have my victory

    I will not cease to be
    You will not ever stop me
    I won't give up the dream
    You cannot ever stop me

    Seeking the way
    That leads me to the power of the edge

    I'm living and dying a thousand lives
    And it's taken its toll on me this time
    The edge cares not so why should I
    Because I breathe the air of immortals
    And I'll be the true invincible
    The edge is my destiny

    I'm living and dying a thousand lives
    And it's taken its toll on me this time
    The edge cares not so why should I
    Because I breathe the air of immortals
    And I'll be the true invincible
    The edge is my destiny

    My destiny
    My destiny
    My destiny
    My destiny
  • Brano 05

    Dead Man’s Plate

    Is there reason, in this life
    We call our own
    So many misguided visions
    And trusting deceit
    And in our shallow pursuit of truth
    We lost ourselves

    May the storms gather
    May the cinders roam
    Those that will die will still remember

    You drank deep and you paid the price
    (What did you think you would find)
    Answer the dark whisper
    And you will tear this world apart
    Our world apart

    When the walls came down
    We're left abandoned here
    There's no soul inside us
    We're just all flesh and bone
    To wander the dead lands forever

    Will we ever get the chance

    Will we ever get the chance
    To show them
    So many forgotten and we live on
    In the city that once was timeless

    You drank deep and you paid the price
    (What did you think you would find)
    Answer the dark whisper
    And you will tear this world apart
    Our world apart

    You will tear this world apart
  • Brano 06

    The Hex Core mk‑2

    Is that all you’ve got to say
    Cause this is not another game
    Not one that you wanna play
    Step, by step, by step
    Death march to your grave

    Is that all you’ve got to say
    Cause this is not another game
    Not one that you wanna play
    Step, by step, by step
    Death march to your grave

    There’s no one left you can blame
    A lonely war dance of pain
    Step, by step, by step
    Death march to your grave

    Is that all you’ve got to say
    Is that all you’ve got to say

    Step, by step, by step
    Death march to your grave
  • Brano 07

    The Bloodthirster

    Cast down the weak
    Those who deceived us
    Those who would let us burn
    Liars and cheats
    Brittle and weak
    Another day will come

    Crawling on your knees right to the end
    I let you pretend you had your last days
    Calling for me to disappear
    I cannot be so easily sent forth

    As you descended on them
    You carry their memories of endless pain
    As remnants to their end
    One after one
    You sever them, sever them
    Sever

    Sever, sever your demons deep within
    A shadow that’s been long instilled

    Cast down the weak
    Those who deceived us
    Those who would let us burn
    Liars and cheats
    Brittle and weak
    Another day will come

    Torment so easily dispensed
    You tried to break our will but you failed
    Calling the serpentine flame
    Until we were just dust and remains

    As you descended on them
    You carry their memories of endless pain
    As remnants to their end
    One after one
    You sever them, sever them
    Sever

    Cast down the weak
    Those who deceived us
    Those who would let us burn
    Liars and cheats
    Brittle and weak
    Another day will come

    Cast down the weak
    Those who would flee us
    Those who would let us burn
    Liars and cheats
    Feeble and weak
    I see them
    Another day will
    Another day will
    Another day will come
  • Brano 08

    Frozen Heart

    Up here on the roof of the world
    Up here on the roof of the world

    Long have we sought to ascend this place
    A life of servitude to omens
    The elders have promised us long before
    With evil banished to the wastelands
    Hands of the chosen will extend to us

    Upon the roof of this world
    Distant voices calling for the final fight
    We will answer with victory

    Long have we fought for these lands
    In the shadows and the stories of the promised light
    Now to take our place beyond

    Up here on the roof of the world
    Up here on the roof of the world
    Where we are sworn to guard no more
    Up here on the roof of the world

    Long have we fought to protect this place
    These haunted dreams never ending
    Clinching to the promises of life reborn

    Upon the roof of this world
    Distant voices calling for the final fight
    We will answer with victory

    Long have we fought for these lands
    In the shadows and the stories of the promised light
    Now to take our place beyond

    Here on the roof of the world
    In the cradle of the storms
    Where vengeful winds cut to the bone
    And there's no turning back

    (Here on the roof of the world)
    (Here on the roof of the world)
    (Here on the roof of the world)

    Up here on the roof of the world
    Up here on the roof of the world
    Where we are sworn to guard no more
    Up here on the roof of the world
  • Brano 09

    Rapid Firecannon

    A forgotten place inside the lonely tower
    Tear it down with a metal roar
    The war eternal, I assail the unassailable
    A second release unhaunted by my past

    Beneath the marshlands
    Calling forth the night
    Buried deep a weapon forged in fire
    Fathers and sons their kin laid to waste
    (An evil is renewed)

    Light up
    The night with flames and cinder
    For I am renewed
    (Down in flames)
    (Feel the kick and watch them burn)

    Light up
    Caught in the crossfire
    Overwhelming firepower
    (Now return to hell)
    (In a firestorm)

    Out with the old
    In with the new world order
    Die or obey the choice is yours
    Undetected, into the spider’s web
    Taking it apart slowly piece by piece

    Find a shadow to hide me, and I wait
    Tricksters and spellweavers beware
    With this flame I culled the weak
    Made my nation strong again
    Well now they're all dead and gone
    Dead and gone

    With this blade
    I call the weak
    Make my nation strong again

    Beneath the marshlands
    Calling forth the night
    Buried deep a weapon forged in fire
    Fathers and sons, their kin laid to waste
    (An evil is renewed)

    Light up
    The night with flames and cinder
    For I am renewed
    (Down in flames)
    (Feel the kick and watch them burn)

    Light up
    Caught in the crossfire
    Overwhelming firepower
    (Now return to hell)
    (In a firestorm)
  • Brano 10

    Blade of the Ruined King

    Strumentale
  • Note della produzione

    Alex "Scherzo" Temple

    Produzione in "Blade of the Ruined King" e orchestrazione in "Mortal Reminder"

    Bob "robesman" DeBelina

    Coordinatore di produzione

    Christian "Praeco" Linke

    Produttore esecutivo, tecnico

    Danny Lohner aka Renholdër

    Produzione, missaggio e voce in "The Hex Core mk-2"

    Dzijan Emin

    Orchestrazione in "Blade of the Ruined King"

    Eugene "kyugene" Kang

    Bassi

    Jason "chupacobbler" Willey aka ProtoShredanoid

    Chitarre soliste

    Joe "Keytar Dragon" Atlan

    Tastiere, pianoforte

    Jørn Lande

    Voce in "Cull," "Mortal Reminder," "The Bloodthirster," "Dead Man's Plate" e "Frozen Heart"

    Macedonian Symphonic Orchestra e coro F.A.M.E.'S.

    Orchestra e coro in "Blade of the Ruined King" e archi in "Mortal Reminder"

    Mike "PitmanDrums" Pitman

    Produttore, percussioni, chitarre ritmiche, chitarre soliste, chitarre acustiche e sintetizzatori

    Noora Louhimo

    Voce in "Tear of the Goddess" e "Frozen Heart"

    Per Johansson

    Voce in "Infinity Edge" e "Rapid Firecannon"

    Richard "RickyTee" Thomson

    Percussioni, chitarre ritmiche, chitarre acustiche, chitarre soliste e sintetizzatori

    Scott Kirkland

    Produzione e missaggio in "The Hex Core mk-2", sintetizzatori in "The Bloodthirster"

    Smiley Sean

    Registrazione e ingegneria batteria

    Tommy Lee

    Percussioni in "The Hex Core mk-2"

    Viranda "Viranimal" Tantula

    Direttore creativo, produttore

    Musiche e testi dei Pentakill.
    Realizzato e prodotto da Riot Games a Los Angeles, CA e London, UK.
    Missato e masterizzato da Jacob Hansen.

La band

Hai seminato. Presto dovrai raccogliere.

All'indomaniAll'indomani

Quando il cielo all'estremo nord del Freljord si fa scuro e i guerrieri si radunano intorno al fuoco, a volte raccontano di una terribile notte tra i ghiacci, dello scatenarsi di una furia assassina. È una storia che viene solo mormorata. Alcuni dicono che sia solo una leggenda inventata per spaventare i bambini, altri sostengono che anche solo parlarne significhi invitare il ritorno di quei guerrieri del metal dal loro tour ultraterreno. Nessuno è sopravvissuto per raccontare questa notte feroce, ma a volte un incauto cantastorie parla di un berserker che miete vittime con la sua ascia. Si vocifera che neanche i suoi fratelli possano contenere la sua furia. Il gigante del metal ha smesso di scatenarsi solo quando una montagna gli è crollata addosso.

È così che è finito l'ultimo concerto dal vivo dei Pentakill.

Discesa dal cieloDiscesa dal cielo

I racconti sull'arrivo di Kayle a Runeterra parlano della sua nascita da una cometa che illuminò il cielo, o di come sia arrivata sul dorso di uno scintillante drago serpentino. Sono solo alcune delle leggende che narrano come Kayle sia giunta fra i mortali. Con indosso una scintillante armatura da battaglia, era una dorata dea guerriera proveniente da un mondo devastato dalla guerra, in cerca di alleati per combattere una guerra epica contro le diaboliche orde della sua empia sorella. Sul pianeta Terra non c'erano guerrieri valorosi, così ha raggiunto Runeterra in cerca di guerrieri del metal.

Le sue parole divine erano così sublimi che Kayle poteva comunicare solo attraverso grandiose opere di metal sinfonico che parlavano della sua sofferenza. L'infinita tristezza delle sue arie trafiggeva il cuore di chiunque le ascoltasse e spesso il suo pubblico era talmente travolto dalla sofferenza che stramazzava al suolo senza vita alla fine delle sue esibizioni. Ma visto che in genere ogni canzone durava diverse ore, avevano tutto il tempo per lasciare tutto in ordine prima che la morte li cogliesse. Eppure, nonostante le emozioni strazianti dei suoi testi, nessuno riusciva davvero a comprendere la profondità del suo dolore né ad ascoltare la sofferenza della sua vita senza morire sul colpo.

Nessuno tranne Karthus.

Sotto i restiSotto i resti

Dopo la disastrosa conclusione della loro ultima esibizione dal vivo, quando Mordekaiser eliminò tutto il pubblico del Freljord, Karthus diede il fatidico ordine a Olaf di suonare alla batteria la "Distruzione del mondo" che squarciò la terra e fece crollare la vetta più alta del reame ghiacciato su Mordekaiser. Mentre la montagna crollava, la band scappò verso gli angoli più remoti di Runeterra per sfuggire alla furia delle regine guerriere del Freljord e alle inevitabili faide.

Karthus si stabilì a Bilgewater, guadagnandosi da vivere cantando ai funerali. Questo provocò un inaspettato miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti di Bilgewater, che iniziarono a prendersi meglio cura di sé per evitare di sottoporre i propri familiari a una tale ordalia. Così Karthus girava per squallide bettole cantando alle alcoliche veglie dei pirati uccisi... dal momento che i lamenti funebri erano decisamente meglio dei canti marinareschi. Iniziò una lunga discesa nella pazzia e nell'oscurità, finché lo splendore di Kayle non giunse a Bilgewater.

Lei udì la profondità della sofferenza di Karthus nei suoi testi e capì che lui solo avrebbe potuto comprendere il suo dolore. Ne seguì una sofferenza alcolica, una notte di dissolutezza, poesia gotica e canti operistici. Gli uomini e le donne dei Moli del sangue si lanciarono nell'oceano brulicante di mostri pur di non ascoltare i loro sdolcinati duetti. Dopodiché Karthus e Kayle giurarono che il Voto del Cantante sarebbe tornato più forte di prima. Dopotutto, il dolore migliore è quello condiviso.

Sarebbe stato il ritorno sulla scena più epico mai visto.

Tra i viviTra i vivi

Dopo il massacro del Freljord, la sagoma curva e incappucciata di Yorick si diresse a sud e non si fermò finché non giunse nelle distese assolate di Shurima. Per lui la luce del sole era una novità, qualcosa che evitava per paura che le persone fuggissero di fronte a un volto che neanche una madre riusciva ad amare. Dava una mano negli scavi delle tombe di imperatori morti da tempo, e questo gli permetteva di passare molto tempo nell'oscurità, sottoterra... e i suoi compagni scavatori di certo apprezzavano.

Il suo basso era perfetto per distruggere la morbida roccia di Shurima, ma spesso arrivava a sciogliere la sabbia al punto che molti operai al lavoro nelle tombe venivano sepolti vivi. Per molte di queste anime sfortunate era una sorte comunque preferibile a quella di dover sopportare ancora le parole di un uomo in grado di straziare, letteralmente, anche la pietra. Dopo essere stato cacciato dai siti di scavo di tutta Shurima e aver passato mesi sottoterra in compagnia di principi defunti da chissà quanto, Yorick decise che anche lui voleva essere sepolto nella sabbia.

Scavò in profondità nel letto di roccia per creare il suo oscuro mausoleo e vi si rinchiuse, deciso a trascorrere gli eoni in quello splendido isolamento. E così Yorick dormì sotto il deserto finché Karthus e Kayle non spalancarono la sua tomba. I due cantanti non fecero nulla per dissuadere Yorick dall'idea che erano passati eoni e che tutti quelli che lo volevano morto erano deceduti a loro volta.

Gli dissero che il regno dei mortali era nuovamente pronto per i Pentakill.

E rock sia!E rock sia!

La sepoltura di Mordekaiser sotto la montagna del Freljord aveva ispirato Sona, e mentre gli altri componenti della band erano fuggiti disperati negli angoli più remoti di Runeterra, lei bruciava dal desiderio di comporre grandiose opere di rock sinfonico. Si esibì nei più magnifici templi del mondo (e oltre), ma non c'era acustica abbastanza potente da soddisfare le sue necessità di un suono dalla risonanza cosmica. I grandi templi ghiacciati del Freljord le erano interdetti, così Sona si imbarcò con la ciurma dannata del Banchetto del Serpente verso una serie di isole vulcaniche nelle acque sconosciute a est di Bilgewater.

L'equipaggio fuggì terrorizzato quando Sona cominciò a scolpire l'isola con la sua violenza sonora. Suonò le note stesse della creazione e fece riemergere isole vulcaniche dagli abissi, mentre la lava formava gigantesche canne d'organo per esaltare ancora di più la musica di Sona. Le sue note erano così potenti che viaggiarono tra i mondi e inabissarono interi continenti (dovette annullare un concerto ad Atlantide). Circondata da possenti vulcani, Sona illuminò il cielo con il fuoco proveniente dal cuore del pianeta. Eppure questo non era ancora abbastanza favoloso. Aveva bisogno del demoniaco suono di chitarre soprannaturali e della potenza ultraterrena della batteria e del basso.

E fu allora che il traghetto ardente che trasportava Karthus, Yorick e Kayle si arenò presso il cerchio di fuoco di Sona.

DistruttoreDistruttore

Sebbene andasse contro i suoi istinti, Olaf non rimase a morire sotto la montagna con Mordekaiser. Con Yorick diretto a sud, il suo compagno di bevute preferito non c'era più. Così per piangere il suo essere sopravvissuto a quella che credeva sarebbe stata la sua ultima esibizione, Olaf cercò di bere fino alla morte tracannando gli alcolici più letali di Runeterra. Trovò un compagno di nome Gragas e finì insieme a lui nelle profondità di Zaun a bere tremendi cocktail del Sump, vantandosi dei suoi giorni di gloria e cercando la rissa con i teppisti strafatti di chemtech.

Scoprì rapidamente il modo di sfruttare i suoi talenti pestando un po' di tutto, e ben presto si ritrovò coinvolto negli incontri clandestini tra golem. Affrontando i golem chemtech, Olaf scoprì che il suo talento naturale alle percussioni era utile anche per pestare i giganti meccanici. Cercava sempre gli avversari più pericolosi, finché un giorno cadde sotto i colpi del martello di Drago, una delle creazioni più letali di Viktor. Mentre il nemico stava per infliggergli il colpo di grazia, un urlo infranse il globo di cristallo che conteneva il cervello trapiantato del golem. Gridando di rabbia per essere sfuggito alla morte, Olaf si alzò pronto a ricominciare a pestare. Si ritrovò faccia a teschio con il suo vecchio cantante.

Olaf sarebbe sopravvissuto. E avrebbe ricominciato a pestare.

Il metal non muore maiIl metal non muore mai

Quando venne travolto dalla montagna, Mordekaiser lo prese come un segno dei Gods of Metal: la sua demoniaca missione di diffusione del metal tra le masse era compiuta. I suoi potenti accordi avevano lacerato a tal punto il tessuto stesso del mondo che l'universo aveva deciso di punirlo con una montagna. Una fine adatta al gran sacerdote del metal.

Ma Mordekaiser sapeva che sarebbe rinato, risorto dalle rovine della cima crollata come l'eterno re del metal. Ma col passare del tempo la sua attesa si è trasformata in torpore. La montagna crollata era temuta da coloro che vivevano alla sua oscura ombra, una malefica rupe fatta di metallo nero e pietre maledette. Sulla vetta lo scintillante manico di ossidiana di una ringhiosa ascia spuntava dalla roccia. Intorno a questo luogo maledetto sono sorte leggende, secondo le quali chiunque avesse estratto l'ascia dalla montagna avrebbe riunito gli araldi di una nuova era del metal.

Quando finalmente la montagna crollò, apparve uno sfrontato dio del rock. Quando Mordekaiser si alzò per conoscere il gigante che aveva estratto l'ascia dalla roccia, vide i suoi vecchi compagni della band accompagnati da una fiera valchiria proveniente da un altro mondo. Karthus mostrò la sua ascia, con le corde scintillanti affilate come rasoi.

"La band si è riunita", disse il cantore della morte.
Mordekaiser

MordekaiserMordekaiser

"Il mio impianto non raggiunge semplicemente il livello 11. Ma lo disintegra!"

Quando venne travolto da una montagna, Mordekaiser lo prese come un segno dei Gods of Metal: la sua demoniaca missione di diffusione del metal tra le masse era compiuta. Sapeva che un giorno sarebbe rinato, ma col passare del tempo la sua attesa si è trasformata in torpore. La montagna crollata era una malefica rupe fatta di metallo nero e pietre maledette. Sulla vetta lo scintillante manico di ossidiana di una ringhiosa ascia spuntava dalla roccia. Intorno a questo luogo maledetto sono sorte leggende, secondo le quali chiunque avrebbe estratto l'ascia dalla montagna sarebbe diventato il vero araldo di una nuova era del metal.

Karthus

KarthusKarthus

"Non importa quello che farai, sarò ugualmente la tua morte."

Karthus iniziò la carriera solista a Bilgewater, guadagnandosi da vivere cantando ai funerali. Questo provocò un inaspettato miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti di Bilgewater, che iniziarono a prendersi meglio cura di sé per evitare di sottoporre i propri familiari a una tale ordalia. Karthus girava per squallide bettole cantando alle alcoliche veglie dei pirati uccisi... dal momento che i lamenti funebri erano decisamente meglio dei canti marinareschi.

Yorick

YorickYorick

"Aumenta il volume del basso! Alza il volume del basso! Alza il ***** di volume del basso! Più alto! Più alto!"

Per provare qualcosa di nuovo, Yorick scelse una vacanza nelle distese assolate di Shurima. Per lui la luce del sole era una novità, qualcosa che solitamente evitava per paura che le persone fuggissero di fronte a un volto che neanche una madre riusciva ad amare. Il suo basso era perfetto per distruggere la morbida roccia di Shurima, ma spesso arrivava a sciogliere la sabbia al punto che molti operai al lavoro in lontane tombe venivano sepolti vivi. Per molte di queste anime sfortunate era una sorte comunque preferibile a quella di dover sopportare ancora la presenza di un uomo in grado di straziare, letteralmente, anche la pietra.

Sona

SonaSona

"...!"

Sona bruciava dal desiderio di comporre grandiose opere di rock sinfonico e di esibirsi nei più magnifici templi del mondo (e altrove), ma non c'era acustica abbastanza potente da soddisfare le sue necessità di un suono dalla risonanza cosmica. Sona si imbarcò con la ciurma dannata del Banchetto del Serpente verso una serie di isole vulcaniche, e cominciò a scolpirle con la sua violenza sonora. Lì scatenò la musica della creazione. Le sue note erano così potenti che viaggiarono tra i mondi e inabissarono interi continenti (dovette addirittura annullare un concerto ad Atlantide).

Olaf

OlafOlaf

"Datemi un nuovo piatto, dei tom, un rullante, un doppio pedale e un campanaccio. Sì, praticamente datemi una batteria nuova. Quella vecchia che avevo è rotta. O meglio, ha preso fuoco. O meglio, l'ho data alle fiamme."

Dopo essere sopravvissuto a quella che credeva sarebbe stata la sua ultima esibizione, Olaf cercò di bere fino alla morte tracannando gli alcolici più letali di Runeterra. Finì nelle profondità di Zaun a bere tremendi cocktail del Sump, vantandosi dei suoi giorni di gloria e cercando la rissa con i teppisti strafatti di chemtech. Ben presto Olaf si ritrovò coinvolto negli incontri clandestini tra golem. Affrontando i giganti potenziati chimicamente, Olaf scoprì che il suo talento naturale alle percussioni era utile anche per pestare gli automi meccanici.

Kayle

KayleKayle

"Nelle tue vene scorre lava fusa, versata dagli sfrontati dei del metal? Solo in quel caso saresti degno del mio tempo."

Kyle, una dorata dea guerriera proveniente da un mondo devastato dalla guerra, giunse a Runeterra sul dorso di uno scintillante drago serpentino. Cerca alleati per combattere una guerra epica contro le diaboliche orde della sua empia sorella. Sul pianeta Terra non ci sono guerrieri valorosi, così ha raggiunto Runeterra in cerca di guerrieri del metal. Attraverso le sue grandiose opere di metal sinfonico, l'infinita tristezza delle sue arie trafigge il cuore di chiunque le ascolti. Letteralmente.

2017 Grasp of the Undying

Date del tour

  • Equinozio di primavera / Noxus

    Sala del Bastione Immortale

    Supporto

    Urgod Apocalypse, Quadrakill

  • Solstizio di inverno / Stonehenge

    Fossa di Sarsen

    Supporto

    Stratovarus, Soraka Arctica, Motörzed

  • Nevicata rossa / Freljord

    Arena dell'Abisso ululante

    Supporto

    Ashe Enemy, Nunuwar, System of a Braum

  • Festival di Carnea / Monte Olimpo

    Acropoli di Zeus

    Supporto

    Leona Coil, Bard Guardian

  • Giorno della Rovina / Isole Ombra

    Forzieri di Arcana

    Supporto

    Thresh Metal, Iron Kaiser

  • Mietitura / Bilgewater

    Ponte del massacro, Moli del sangue

    Supporto

    Cradle of Fizz, Graves Against the Machine, Kraken Priest

  • 14 piltembre / Zaun

    Stadio del Sump

    Supporto

    Ekkorn, Jinx Factory

  • 2017 / Nuova Desolazione

    Colosseo di Bandle City

    Supporto

    Corkiss

Scarica

Grasp of the Undying

Abbiamo chiesto ai Pentakill quanto far pagare il disco, ma l'unico numero che ci hanno dato è stato quello della Bestia... quindi è possibile scaricare gratuitamente Grasp of the Undying dal nostro sito (dai un'occhiata anche alle altre opzioni disponibili per l'ascolto).

Scarica MP3

Disponibile il 04/08/2017

  • Spotify
  • YouTube
  • iTunes
  • SoundCloud
  • Deezer
Scarica